Stagista aggredita negli studi di Radio Bruno

Leggiamo dal sito di Romagnaoggi.it che ieri mattina, domenica 12 dicembre 2010, una giorvane stagista di Radio Bruno è stata aggredita all'interno della redazione di viale Tripoli a Romini.

Un uomo sarebbe salito negli studi e avrebbe suonato alla porta, la ragazza ha aperto e subito dopo sarebbe stata aggredita e spinta in una stanza interna della radio dove l'uomo avrebbe cercato di abusare di lei. Per fortuna le urla della ragazza hanno richiamato l'attenzione dei vicini che hanno dato l'allarme al 113, facendo così dileguare l'aggressore. Per la ragazza, oltre al forte shock, lesioni alla testa, al volto e due costole rotte.
Radiospeaker.it esprime la propria vicinanza alla ragazza e a tutto lo staff di Radio Bruno, con l'augurio che episodi simili non si ripetano in futuro.
Ognuno di noi avrebbe storie da raccontare, episodi strani, dolorosi e a volte surreali avvenuti negli studi radiofonici, volete raccontarci il vostro? Sriveteci a redazione@radiospeaker.it

1 commento:

  1. Valeria Mascolo14 dicembre 2010 11:27

    Ho imparato che la radio attira un sacco di folli, fan deliranti e menti malate che a furia di ascoltarti nel quotidiano ti credono "ormai roba loro". Se è tanto piacevole, in un contesto sano, che ti considerino "uno di casa" diventa altrettanto pericoloso e brutto quando accade con persone problematiche.
    Anch'io mi sono trovata,una volta, sola con un ascoltatore che avevo fatto entrare "a vedere come funziona" così come tante altre senza problemi... fortunatamente la ns radio è "in vetrina", siamo sulla strada con gli studi a vista e forse questo ha contribuito a proteggermi, sono riuscita a tenerlo a distanza e farlo uscire. Ma ho avuto paura e non ho più fatto entrare nessuno se mi trovavo sola in studio.
    E so anche di colleghi uomini che hanno subito vero stalking da donne appostate fuori dagli stud, magari a notte fonda, perchè chiudevano la diretta... non è facile.
    Tutto il mio sostegno va alla stagista, spero non si faccia influenzare troppo da quanto è accaduto perchè non è bello vivere nella paura, oltre che non giusto.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.