Erisimo: l'erba dello speaker radiofonico

0 comments
Questo articolo è stato spostato sul sito ufficiale di Radiospeaker.it a questo indirizzo:
http://www.radiospeaker.it/blog/raucedine-voce-bassa-erisimo-426.html

Polemica Zoo di 105. Noise-Wender-Alisei a Vanity Fair: Eravamo stufi di fare gli scagnozzi di Mazzoli!

6 comments
A proposito del caos “Zoo di 105” si è detto di tutto. Ma, anche se affievolita, la fiamma della polemica continua ad essere accesa. Dalle pagine di Vanity Fair il trio Noise - Wender – Alisei lanciano il loro nuovo show “televisivo” su Deejay Tv “Trin Trun Tran” e rispondono a qualche domanda sulla rottura con Marco Mazzoli e con 105.


Niente più parolacce per il trio ora che sono approdati alla corte di Linus e atteggiamenti meno volgari rispetto allo zoo. Come dire, non sembrerà più di sentire gli stessi beniamini di 105 ma  personaggi nuovi di zecca. “Non abbiamo più l’età per dire parolacce” - rispondono i tre - “E poi non è più una novità come quando abbiamo cominciato 10 anni fa”. [continua]

Rai Radio 1 apre le porte ai giovani: nasce il "Giornale Radio dei Ragazzi"

0 comments
Interviste, servizi ed inchieste. Piccoli reporter crescono.
L’informazione di Radio 1 Rai si apre ai più giovani con la nascita di un vero e proprio laboratorio di giornalismo radiofonico dedicato agli studenti di scuole elementari, medie e superiori. 

Un progetto condotto e coordinato dalla giornalista Laura Pintus, con cui ci saranno  diversi collaboratori quali Giovanni Taormina, Maria Grazia Santo, Luciana Parise e Roberto Brancati, che ha l’obiettivo preciso di offrire una chance al mondo dei ragazzi che intendono  diventare cronisti per un giorno davanti ai microfoni di Radio 1...continua

Radio Fly Web, prima web radio sindacale: Radiospeaker intervista la direttrice Antonella Amerini

1 comments
Radiospeaker incontra Antonella Amerini, direttrice e speaker di RadioFlyWeb.it, la prima web radio sindacale.

Partiamo con la domanda più importante. Cos'è RadioFlyWeb e quali sono i suoi obiettivi?RadioFlyWeb.it nasce da un progetto promosso dal sindacato Clsl Emilia Romagna e la FIstel Cisl nazionale (Federazione Informazione, Spettacolo e telecomunicazione). L’idea è “Dare voce a chi non ha voce”. L’intenzione è quella di permettere a tutti di far conoscere la propria musica, infatti trasmettiamo solo musica che non potremmo mai ascoltare sui canali tradizionali. Inoltre, dato che oggi la voce ce l’ha solo chi grida più forte, il nostro intento è, invece, quello di  offrire a tutti la possibilità di dire ciò che pensano sul mondo sociale, sindacale, dare spazio alla voce della pacatezza...continua

Quando la Radio va in Carcere: intervistiamo Riccardo Arena (Radio Radicale)

0 comments
L'articolo è stato trasferito a questa pagina:http://www.radiospeaker.it/blog/radio-carcere-riccardo-arena-radicale-711.html

Radio Padania 'Libera' il Salento

0 comments
Leggiamo dalle pagine di Repubblica.it che Radio Padania Libera è stata "sfrattata" dal Salento. Il caso, dopo essere finito in parlamento ha suscitato l'attenzione dei media (noi di Radiospeaker.it lo seguiamo con attenzione fin dall'inizio). 

"Il ministero delle Comunicazioni ha accolto l'esposto dell'avvocato Gianluigi Pellegrino presentato in nome e per conto del gruppo Mixer media e sospende le trasmissioni dell'emittente leghista che dal 17 dicembre dell'anno scorso andavano in onda dalla Puglia meridionale sulla frequenza 105.6, già occupata però da radio Nice, che fa capo a Mixer media. "Li abbiamo rispediti al mittente", dice l'avvocato Pellegrino, che aggiunge: "E' stata impedita una svendita, anche giuridica, del territorio meridionale alla Lega Nord"...continua

R101: dov'è finita Laura Basile?

0 comments
È ufficialmente partito il nuovo palinsesto di R101. Le novità di certo non sono mancate così come le sorprese inaspettate. Abbiamo già dato conto della partenza di Dario Desi verso una delle radio di Via Donegani, ma, dando un’occhiata al nuovo palinsesto, salta agli occhi un’altra importante assenza, quella di Laura Basile. Nulla era trapelato a riguardo negli scorsi giorni e la notizia ha lasciato di sasso un po’ tutti.

Nell’attesa di capire se l’addio alla radio del Gruppo Mondadori sarà riconfermato oppure no, proviamo a vedere cosa è cambiato nel palinsesto di R101, nell'era del neo-station manager Guido Monti...continua

Scoop: Mariolina Simone da Radio Kiss Kiss a M2o!

1 comments
Questo è un piccolo scoop realizzato dalla redazione di Radiospeaker.it, fonti certe ci riferiscono che Mariolina Simone, speaker di Radio Kiss Kiss fino allo 31 dicembre 2010, da venerdì entrerà a far parte dello staff di M2o la radio "giovane" del gruppo l'Espresso!

Mariolina sarà una delle voci del weekend per il primo periodo, il classico periodo di rodaggio che ogni speaker fa quando approda in una nuova radio, il tempo di ambientarsi negli studi situati nel quartiere Eur di Roma per poi passare in una delle fasce orarie principali del palinsesto. 
Potremo sentirla in diretta già da questo venerdì mattina,  un'ospitata estemporanea nella trasmissione Mena Meno condotta dal bravissimo Dino Brown e poi già da questa domenica in conduzione dalle 17.00 alle 20.00!
A Mariolina e a tutto lo staff di M2o vanno i nostri complimenti ed un grande in bocca al lupo!

Esclusivo: Luca Viscardi parla di "Radio" su Radiospeaker.it

0 comments
Oggi Radiospeaker.it incontra uno degli station manager italiani più conosciuti e apprezzati, Luca Viscardi (attualmente conduttore e station manager di Radio Number One, Dal 1997 al 2005 conduttore, direttore dei programmi e direttore responsabile di RTL 102.5; nel 2005 direttore dei programmi di Play Radio). La scorsa settimana abbiamo già parlato di lui dopo aver letto con molta attenzione il suo blog in cui si era espresso sull'argomento "radio".
 Lo abbamo contattato per approfondire alcuni punti interessanti: cosa ne pensa dell'inserimento costante di personaggi televisivi in radio (con la speranza degli editori di aumentare gli ascolti, speranza spesso delusa dai dati); come vede Luca Viscardi questo spostamento di voci, le stesse voci da anni, tra i grandi network; come si inseriscono le Web Radio nel mercato radiofonico attuale e tante altre notizie interessanti per chi sogna di trasformare la passione per la radio in una professione.


GUARDA l'INTERVISTA A LUCA VISCARDI:

Il caso Radio Padania sbarca anche in Parlamento

0 comments
Il caso radiofonico di questo inizio 2011 è sicuramente lo sbarco di Radio Padania nel Salento, e non accennano ad abbassarsi i toni della polemica, al punto che il caso è giunto alle porte del Parlamento.
D
al 17 dicembre scorso l’emittente leghista ha occupato la frequenza 105,6 appartenente a Radio Nice, del gruppo Mixer Media. Nessuna novità all’orizzonte per il momento, nonostante le proteste e le accuse rivolte alla truppa lumbard da cittadini e istituzioni.


L’avvocato del gruppo Mixer Media Gianluigi Pellegrino ha dichiarato che dopo la diffida al Ministero dello Sviluppo Economico perché la spenga immediatamente, sta preparando un ricorso al Tar e un’azione risarcitoria sia nei confronti del Ministero stesso che di Radio Padania.  Ma non saranno le uniche azioni del prossimo futuro. Il caso sta per sbarcare infatti anche in Parlamento con le interrogazioni parlamentari del deputato Teresa Bellanova e del senatore Alberto Maritati, entrambi Pd, che hanno chiesto risposta al ministro Paolo Romani. [continua]

Dario Desi lascia la famiglia di 101

3 comments
Incredibile ma vero! Dario Desi lascia la famiglia 101. Una storia durata ben 21 anni.
Questa mattina l’ultima diretta sulle frequenze della radio del gruppo Mondadori. La storica voce di Radio Milano International - One-O-One poi R101 ha salutato i suoi fedelissimi ascoltatori e la radio, “una grande famiglia cui auguro un grande futuro!” C’era anche Guido Monti, neo-station manager, a condividere con Desi le ultime ore on air.

Desi ha affidato alla pagina Facebook (che ha condiviso con il suo “socio” Alberto Davoli) il suo congedo: 
Ciao a tutti! Chi vi parla è Dario Desi... [continua]
 

Diretta radio da casa Gratis: si può con Fideliphone

5 comments
In un precedente articolo vi abbiamo parlato di Source Connect, un plug-in per collegare 2 studi di registrazione o da usare per andare in diretta in fm da una postazione esterna, ad altissima qualità.
Source Connect è un applicativo sì professionale, ma a pagamento; ora invece vi presentiamo un'alternativa gratuita ma ugualmente stabile.


Si chiama Fidelyphone, è un software gratuito per Windows dall'interfaccia essenziale che trovate alla pagina http://www.fideliphone.com/ . Il software è in grado di inviare e ricevere segnali mono o stereo, e sfruttando un codec qualitativamente elevato vi permette di raggiungere ottimi risultati utilizzando anche bit rate relativamente bassi come ad esempio 80kbps. In pratica, se per sentire la nostra voce correttamente è necessario che un mp3 sia codificato a 128, con Fideliphone si può inviare un audio anche solo a 80kbps ed essere certi che il nostro interlocutore lo sentirà decentemente, oltretutto consumando pochissima banda. [continua]

Giornalismo Radiofonico: Radiospeaker intervista il caporedattore di Rds, Gianluca Teodori

5 comments
Le interviste di Radiospeaker continuano! Questa volta parliamo di Giornalismo Radiofonico con Gianluca Teodori, giornalista radiofonico e caporedattore di RDS.



Ciao Gianluca, hai voglia di raccontarci come e quando è iniziata la tua avventura in radio, e come sei approdato a Rds?
 E' iniziata tanto tempo fa, tra anni 80 e 90. Prima, come tanti, avevo speso anni di gavetta tra collaborazioni varie. Prima la tv, Teleroma 56, storica emittente della Capitale, poi carta stampata. Il primo passo verso RDS rappresentò quasi realizzare un sogno, visto che allora, a vent' anni, ero un semplice ascoltatore. Dico primo passo verso RDS perchè il cammino iniziò con Dimensione Suono Roma. L' emittente locale del gruppo era nata da poco, nel 1992. Per un primo periodo mi occupai di calcio, la materia che curavo anche a Teleroma. Fu una grande esperienza lavorare a contatto con personaggi del calibro di Nando Martellini, un Maestro indimenticabile. Nel 1993 Silvio Piccinno che dirigeva l' emittente  pensò di mettere su una redazione, mi diede fiducia ed ero nel posto giusto. Fu una bella avventura, tanta cronaca, tanta strada, un' importantissima palestra. Il capo della Redazione era Bruno Ployer, oggi a Sky TG24. A lui debbo molto  delle cose che ho imparato. A Dimensione Suono Roma ho guidato la redazione dal 1999 al 2003. Poi il Presidente, Eduardo Montefusco mi ha affidato la redazione di RDS. [continua]

Lo speaker: un lavoro senza confini!

0 comments
Potrebbe sembrare un titolo dettato dalla passione che nutro per il mio lavoro, un modo ancora piu' "figo" per spiegare la mia professione, ma se ci pensiamo bene il lavoro dello speaker delle pubblicità è davvero un lavoro che non ha confini.
Quando qualcuno mi chiede "che lavoro fai?" so già che quando risponderò: "lo speaker" seguiranno altre domande del tipo: "ah, e dove? In quale radio?" e, se per caso ho appena fatto uno spot o registrato un programma radiofonico per una radio di Cosenza e mi trovo a Roma, probabilmente il mio interlocutore mi risponderà stupefatto e, nel caso del programma mi chiederà: "ma vai li?"

Noi parliamo da una parte, e grazie a quell'oggetto (il microfono) che trasforma la nostra voce in impulsi elettrici riusciamo a farci ascoltare a chilometri di distanza; parliamo all'interno di stanze fatte in modo che non si sentano nè rumori nè  voci aldifuori delle nostre, e magari chi ascolta è in un supermercato pieno zeppo di gente, oppure in un autobus con gente che schiamazza. Non è bello? [continua]

Simone Maggio parla a Radiospeaker.it: da Radio Montecarlo a Radio Rama ma con Radio Padania di traverso!

2 comments
Radiospeaker.it incontra Simone Maggio, voce di Radio Montecarlo fino al luglio 2010 e attuale direttore di Radio Rama (Puglia & Basilicata). Abbiamo cercato Simone per sentire con le nostre orecchie cosa sta succedendo in Salento dal punto di vista radiofonico.
L'intervista si apre con le reazioni del gruppo Mixer Media e Radio Rama SRL alla piccola "invasione" di Radio Padania Libera, Simone ci spiega il suo punto di vista e sottolinea come la situazione sia piuttosto delicata. L'attenzione poi si pone sulla sua decisione, per noi piuttosto coraggiosa, di lasciare una radio importante come Radio Montecarlo, per tornare a Lecce a gestire Radio Rama e si conclude con i progetti per il futuro di questa piccola grande radio salentina.
GUARDA L'INTERVISTA A SIMONE MAGGIO:

I Love My Radio: su R101 la Radio che ha parlato di...Radio!

2 comments
Anno 1985. Taffy cantava “I love my radio”, celebre hit spacca-classifiche di quell’anno.
Nel 2010 “I love my radio” è diventato il titolo di una speciale trasmissione andata in onda domenica 16 gennaio su R101 per la durata di ben quattro ore (dalle 17 alle 21). Un evento, una vera e propria celebrazione, fatta rigorosamente in diretta, del mezzo di comunicazione più affascinante, libero e coinvolgente di sempre: la radio.

Ad alternarsi al microfono sono stati alcuni speaker già facenti parte del team della radio del Gruppo Mondadori che hanno presentato in maniera ufficiale i tre nuovi speaker della “squadra”: l’inossidabile Federico L’Olandese Volante che ha inaugurato la speciale diretta, la professionista Isabella Eleodori che sarà in onda dal 24 gennaio nella primissima mattinata (dalle ore 5 alle 7) e l’australiana (ma ormai a tutti gli effetti italiana) Tamara Taylor che ha condiviso con Isa l’emozione della prima vera diretta. Le new-entry avevano infatti già fatto sentire la propria voce attraverso delle veloci incursioni (dei veri e propri “flash mob”) nelle trasmissioni dei loro colleghi...continua


Il radio-pensiero di Luca Viscardi (Radio Number One)

2 comments
Luca Viscardi, classe 1969, comprovato conduttore radiofonico italiano e manager della radiofonia italiana (conduttore, direttore programmi e direttore responsabile di Rtl 102.5; conduttore e direttore programmi di Play Radio; attualmente direttore di Radio Number One), affronta dopo varie sollecitazioni da parte degli utenti del suo blog, l'argomento “Radio”.

Un tema, come lui stesso ammette, accuratamente evitato a causa della costante presenza di quelle che lui definisce “anime suscettibili” che vanno a creare un contesto che poco lo diverte. Proprio per questi motivi il suo intervento si limita ad esprimere un' opinione generale, ma chiara e diretta, per ciò che concerne il mondo della radio in Italia. Viscardi infatti va subito al sodo: “In questo periodo dico che non mi strappo i capelli per il livello. Mi sembra che ci sia una qualità generale tendente al ribasso, forse c’è un po’ di stanchezza, dettata anche dal fatto che stiamo invecchiando un po’ tutti… mi ci metto in prima fila, ovviamente. Però quello che penso sia il più grande punto di debolezza, è l’incapacità di fare “sistema”, di costituire un blocco compatto, che lavori per il bene generale del mezzo, prima che per il proprio orticello. Una vecchia storia”. Forse se volgiamo lo sguardo, anzi l'orecchio, al passato possiamo ritrovare l'entusiasmo che guidava chi faceva questo mestiere davvero per passione, perchè per nulla o ancora poco assoggettato alle logiche di un mercato che ora sempre più impone la realizzazione di un prodotto ben specifico...continua

La Lazio lancia la prima "Radio di serie A".

0 comments
Il progetto è ambizioso: un Magazine, una Tv dedicata ed una radio, la prima per una squadra di calcio della massima categoria. La S.S. Lazio pensa in grande, parola del presidente Lotito: “la nostra intenzione è quella di fornire una comunicazione reale senza fare opinione.”

La squadra biancoceleste sarà la prima, in serie A, ad avere una radio tutta sua, un contatto diretto e confidenziale con i propri tifosi che avranno modo di poterla ascoltare sia tramite il web (è già online il nuovo link radio sul sito ufficiale SS Lazio.it) che in FM.
L’emittente laziale infatti prenderà in prestito la frequenza di Voxson Vintage Radio (100.7) due ore al giorno per poter entrare in contatto con i propri supporters, anche non sono ancora state stabilite le fasce orarie in cui andranno in onda le due edizioni quotidiane (si ipotizza alle 12:00 e alle 18:00)...continua

Radio Libera Tutti, anche chi ha una disabilità!

0 comments
Leggiamo dal sito Superabile.it la nascita di un programma radiofonico molto particolare Frazione Handicap ed è il programma condotto da Carlo e Marco, due giovani colpiti da Sla (sclerosi laterale amiotrofica), che va in onda ogni giovedi dalle 17 alle 17.30 sulla web radio "Radio Libera Tutti". 
Un programma che fa riflettere sulla malleabilità della radio, sulla sua "ergonomicità", intesa come possibilità di arrivare dove altri mezzi non arrivano, di adattarsi alle varie "personalità" e di avere uno spazio per tutti, anche per chi nella vita è stato colpito da una disabilità...continua

Radio Padania, in Salento oggi protesta contro le trasmissioni leghiste

0 comments
Sembrava tutto finito, e invece, in Salento si continua a parlare di Radio Padania. Una vera e propria protesta bipartisan quella che si sta svolgendo questa mattina ad Alessano, comune pugliese dove è ubicato il ripetitore che permette all'emittente leghista di trasmettere nella punta dello Stivale.


I giovani del Pd e del Pdl hanno risposto all'appello del Movimento della Regione Salento, insieme ai sindaci di Alessano e Poggiardo, a studenti e a comuni cittadini hanno raggiunto l'antenna, che a 10 kilometri da Leuca, dal 17 dicembre trasmette il verbo leghista. [continua]  

Dediche e richieste alla radio: il programma più bello del mondo!

1 comments
Dediche e richieste? “Il programma radiofonico più vecchio del mondo”. Parola di Max Novaresi che, con l’aiuto di tre brave speaker (Chiara Lorenzutti, Elisa Dante, Laura Basile) lo scorso anno intratteneva gli ascoltatori di R101 nella lunga maratona domenicale “dalle otto alle otto” (12 ore no stop con la musica scelta dagli ascoltatori!). Sarà pure il programma più vecchio del mondo, ma le dediche e le richieste musicali in radio continuano ancora oggi a spopolare. Tante formule, tanti ingredienti, tante modalità di partecipazione. Proviamo ad analizzare in che modo l’ascoltatore è coinvolto nella scelta della musica in 4 network nazionali.
A Radio Capital la scelta dei classici è affidata al team milanese di Your Song, programma in onda dal lunedì al venerdì dalle 13 alle 14 con l’ottima conduzione di Giancarlo Cattaneo e l’apporto fondamentale dell’ufficio musicale della radio. Gianka (così chiamato dai suoi più affezionati ascoltatori dai tempi della mitica One-O-One) coinvolge i suoi “fedelissimi” con vari spunti. Ad aprire il programma è la tripletta di tre classici scelti dall’ascoltatore tramite un sms al 3886708090 o una mail a yoursong@capital.it  e presentati in diretta dallo stesso (con tanto di motivazione). [continua]Gli stessi contatti poi servono anche a contribuire alla scelta della musica nei restanti minuti della programmazione: “la canzone che vi passa per la testa”, il brano che vi ricorda i vostri 18 anni, il brano della vostra colonna sonora preferita, il brano che vi ricorda il concerto più bello che avete visto, ecc.ecc. 60 minuti di pieno coinvolgimento dell’ascoltatore. [continua]

Carlo Lucarelli ritorna in radio con Dee Giallo

0 comments

La ricerca di strane storie non è conclusa per Carlo Lucarelli. Il Giornalista e scrittore italiano dal 10 gennaio è tornato su Radio Deejay con il suo programma DeeGiallo alle 23.30.

Con lo stile narrativo accattivante, inconfondibile, intrecciando racconti personali e trame storiche, ripropone anche quest’anno un radiodramma incentrato sulle storie del mondo della musica a sfondo tragico. Carlo Lucarelli, divenuto celebre grazie al programma televisivo “Blu Notte” (anche se la sua fama di scrittore, sceneggiatore è precedente al suo approdo in tv), cerca di ricostruire i delitti irrisolti di personaggi più o meno famosi e cerca di dare chiarezza a vicende ancora oggi avvolte nell’aurea di mistero. [continua]

Radio Capital ti porta “in the world” con Doris Zaccone!

6 comments
Viaggiare anche solo con la mente. È questo il leitmotiv di Capital in the world, uno dei punti di forza della programmazione quotidiana di Radio Capital. È un viaggio emozionante ed estremamente coinvolgente quello per il quale la professionista Doris Zaccone conduce i suoi ascoltatori dal lunedì al venerdì dalle 12 alle 13
Appuntamento imprescindibile nell’era targata Mancini, Capital in the world era stato spostato al weekend nella gestione Linus (venendo addirittura poi cancellato). Le richieste degli ascoltatori e la tenacia di Doris Zaccone (che ha contribuito alla nascita di questa splendida creatura radiofonica) hanno fatto sì che l’immancabile appuntamento quotidiano “in the world” tornasse ad occupare un ruolo di prim’ordine nella programmazione quotidiana feriale della Capital della gestione-Stucchi...continua

Radio Padania "alza bandiera bianca" e si ritira dal Salento

6 comments
Cari amici di Radiospeaker.it sembra che Radio Padania Libera si sia resa conto di aver violato una "libertà", quella del gruppo Mixer Media di trasmettere sulla propria frequenza salentina 105.6. Come riportato dalla Gazzetta del MezzogiornoLa voce del conduttore radiofonico è scomparsa senza preavviso. Erano più o meno le 10; il silenzio è andato avanti per tutta la giornata, fino a sera tardi. Eppure, le trasmissioni di Radio Padania Libera erano cominciate regolarmente con la rassegna stampa, sulla frequenza 105.6, la stessa occupata da Radio Nice fino al 17 dicembre, quando si è verificato il blitz della radio leghista. (leggi l'articolo sullo "sbarco" di Radio Padania in Salento)



La Lega batte la ritirata, per il momento, almeno secondo Gianluigi Pellegrino, al quale il gruppo Mixer Media, proprietario della frequenza, ha affidato l’incarico per il ricorso. 

Si sta trasformando in un pasticcio l’avventura di radio Padania nel Sud Salento. L’emittente, considerata una radio comunitaria, insieme a radio Maria, il 17 dicembre, utilizzando una norma della legge finanziaria del 2001, ha «occupato» la frequenza di radio Nice, forse sperando che fosse libera. La legge prevede che una radio comunitaria può ricorrere a questa possibilità e che eventuali ricorsi possano essere presentati entro 90 giorni...continua

Torna "un giorno da deejay" il concorso per aspiranti speaker di Radio Deejay!

3 comments
L'anno scorso ci fu un grande fermento per questa nuova importante iniziativa proposta da Radio Deejay! Un giorno da Deejay: 100 fortunati speaker furono ospitati in diretta nei vari programmi della radio per festeggiare il compleanno di Radio Deejay e 5 degli oltre 2000 candidati hanno avuto la possibilità di occupare i posti dei titolari durante le ultime vacanze estive e Natalizie. Un concorso nato per scherzo, ma che si sta trasformando in qualcosa di molto serio. Noi di Radiospeaker.it l'anno scorso seguimmo il caso da vicino, leggi il racconto della magica giornata vissuta a radio deejay dalla nostra amica ilaria 


Oggi sul seguitissimo blog di Linus, il diretur ha riconfermato l'appuntamento annunciando una nuova giornata dedicata agli ascoltatori della radio e agli aspiranti speaker. Riportiamo quanto scritto da Linus " Inviate, entro domenica 23 gennaio, una mail con la vostra richiesta di partecipazione a ungiornodadeejay@deejay.it. Se avete ambizioni professionali allegate un vostro file dimostrativo da un minuto o due, se invece volete solo respirare l’aria della radio è sufficiente una vostra scheda e una foto. Insomma, inviateci qualunque  cosa che ci aiuti a scegliervi". 
In bocca al lupo! ;)

R101: Ecco come sta cambiando

14 comments
Già da qualche settimana ad R101 tira aria di grandi novità. La sapiente mano del neo-station manager Guido Monti ha già apportato i primi grandi cambiamenti in parte ufficializzati nella memorabile “Lady’s Night” della notte di Capodanno. Le 4 “first lady” della radio del Gruppo Mondadori (Chiara Lorenzutti, Laura Basile, Tamara Donà, Vladimir Luxuria; mancava soltanto Sara) si sono avvicendate al microfono dando anche il benvenuto ufficiale a due dei nuovi acquisti della radio che prestissimo debuteranno ufficialmente on air: Federico L’Olandese Volante reduce dalla lunghissima permanenza ad RTL 102.5 e Isabella Eleodori, storica voce di Radio Capital con un breve trascorso a Radio 2. Come anticipatoda Radiospeaker.it  a loro si aggiungerà anche la ex errediessina Tamara Taylor.

Da oltre un mese però R101 ha cambiato decisamente volto. Proviamo ad analizzarne i principali mutamenti.

1.  1. La musica è ancora una volta l’ingrediente principale della programmazione del network di via Ventura. Il catalogo dei successi degli anni ’80, ’90 e Duemila è stato però ampliato con l’aggiunta di molti pezzi degli anni ’70 (si tratta prevalentemente, ma non solo, di standard della disco-music) così come si evince anche dalle webradio presenti sul sito internet  www.r101.it dove ha fatto la sua comparsa anche la webradio dedicata ai mitici 70’s. Ciò ha però comportato una sensibile riduzione dello spazio dedicato alla musica degli anni Duemila (un pezzo all’ora) e di oggi (uno o due pezzi in un’ora)...continua

Re Juan Carlos di Spagna beffato da Catalunya Radio: quando lo scherzo telefonico diventa reale!

0 comments
Tutti ben sappiamo come le emittenti radiofoniche utilizzino il telefono per architettare ed ideare qualche scherzo irriverente ai danni di ignari ascoltatori e non. Nulla di cattivo, sia chiaro! Le burle telefoniche, concepite da molte radio, rappresentano una semplice espressione di goliardia per divertire chi è in ascolto e qualche volta riescono a trarre in inganno anche i cosiddetti “pezzi grossi”. Un gustoso episodio ci arriva direttamente dalla Spagna dove ad esser caduto nella rete è addirittura Re Juan Carlos in persona.

Il sovrano spagnolo è stato protagonista di un scherzo telefonico natalizio da parte di Catalunya Radio, una nota emittente radiofonica regionale catalana.Un giornalista del programma satirico 'Tot es molt confus' (in catalano, Tutto è molto confuso) si è messo in contatto con Palazzo della Zarzuela, residenza della famiglia reale iberica a Madrid, chiedendo di parlare con il re.  continua

Mazzoli attacca, Linus risponde, Wender spiega: un dibattito avvenuto sui loro blog personali

10 comments
Un tempo, si rompevano programmi, si cambiava radio e al massimo si rilasciava un'intervista o si rispondeva a qualche lettera degli ascoltatori più esigenti. Oggi avviene tutto alla luce del sole, tutto e subito. Online. 
Stiamo assistendo da qualche giorno a questo strano fenomeno di botta e risposta tra i protagonisti della vicenda radiofonica più calda di inizio anno, attraverso i loro blog personali. Una storia, che al di là dell'aspetto radiofonico in se per se, fa riflettere su come sia cambiato il modo di lavorare di un conduttore radiofonico: attraverso il proprio blog i protagonisti di questa storia si sono trovati quasi costretti a dare spiegazioni.
Il primo ad esprimere la propria rabbia è stato Marco Mazzoli, che parlando chiaramente di Linus scriveva: "l'infame rancoroso in attesa del momento giusto per affondare i canini e cercare vendetta!! Astuto il vecchio senza idee...hahahaha, costretto a fare la spesa nel programma che denigrava!!!"...continua

Linus vs Zoo di 105: la polemica continua. Alisei, Noise e Wender presto in onda su Deejay Tv!

1 comments
Continua la polemica Zoo di 105-Deejay. I 3 ex compagni di Marco Mazzoli nello storico programma di Radio 105, Fabio Alisei, Paolo Noise e Mago Wender hanno infatti firmato con Deejay, e presto inizieranno una prima avventura a Deejay Tv. Nel frattempo, dopo i primi sfoghi sul suo blog, Mazzoli sembra aver messo in piedi un nuovo staff e dal 17 gennaio tornerà in onda (in diretta stavolta!) con lo Zoo. Oggi però a dire la sua è stato Linus, che sul suo blog ha raccontato – motivato – spiegato la situazione in un articolo intitolato “Gabbie Aperte”.


Il patron di Radio Deejay parte col raccontare della cena che lo ha visto personalmente coinvolto a giugno, insieme all’intero zoo, durante la quale si è, più che altro fantasticato sul futuro e ha spiegato come in realtà non amasse molto il programma di Mazzoli e soci, ma che li stimasse per la determinazione e l’energia:  continua 

Il ritorno di Jackfolla, in fuga verso Radio2

3 comments
L’avevamo lasciato in quella angusta cella di due metri per tre, solo, in un mondo che non gli era mai piaciuto. Ora è libero o perlomeno, cosi sembra. Parliamo di Jackfolla, il fascinoso ed oscuro personaggio ideato da Diego Cugia e portato alla ribalta dalla straordinaria voce di Roberto Pedicini su Radio2 nel 1998. Un disperato, probabilmente un sognatore, più semplicemente un dj che si esprimeva tramite aforismi e monologhi di rottura accompagnando i suoi appelli con musica rock e brani italiani d’autore da un carcere di massima sicurezza. Un personaggio radiofonico cosi complicato e affascinante che spinse molti ascoltatori a credere che fosse reale e non il frutto di un’intuizione di Cugia, noto autore e registra radiotelevisivo italiano.
 
Molto del successo di Jackfolla è da attribuire alle performance vocali di Roberto Pedicini, noto attore e doppiatore del cinema italiano (Jim Carrey e Kevin Spacey tra la celebrità più note a cui ha prestato la propria voce), una figura aspra e disperata quella di Jackfolla che andò sbriciolare la compostezza tipica di una radio istituzionale come Rai Radio2 ma che al contempo lo trascinò nella leggenda...continua

Da annunciatore radiofonico a barbone: la storia di Ted Williams commuove il mondo

4 comments
A tutti può capitare di vivere un brutto momento nella vita, anche ad un conduttore radiofonico o ad un'annunciatore. E' quello che è successo ad un noto annunciatore radiofonico americano che dopo i fasti del successo si è trovato in strada vittima di alcool e droga. 

Ted Williams, si chiama così, sta commuovendo l'America con un filmato che da qualche giorno gira su internet. L'uomo adesso è un senzatetto, vive per le strade di Columbus, in Ohio, chiedendo l'elemosina...continua

Radio Padania "sbarca" in Salento

1 comments
Un tempo gli americani per conquistare le idee della gente lanciavano volantini propagandistici dagli aerei militari, oggi la propaganda si fa attraverso l'acquisizione di frequenze radiofoniche in "territorio straniero". Questa è la strategia che sta adottando Radio Padania Libera da qualche tempo a questa parte. L'ultima conquista mediatica-terriotoriale è datata17 dicembre 2010, da quando cioè ha iniziato a trasmettere anche nel Salento, ad Alessano, dove ha acquisito una nuova frequenza (la 105,600 Mhz). 


MA come è possibile acquisire una frequenza in questo stato di "stallo" dell'etere. Dovete sapere, cari lettori di Radiospeaker.it, che Radio Padania può agire liberamente, perchè secondo lo Stato fa parte di una categoria in via d’estinzione: le radio comunitarie, quelle senza scopo di lucro (in un’ora di trasmissioni non possono superare il 5% di pubblicità), che producono contenuti culturali, etnici e religiosi per aree geografiche e popolazioni minoritarie e che favoriscono il pluralismo di un etere dominato dalle radio commerciali. Così come Radio Maria...continua




E' guerra tra Isoradio ed Autostrade. Tra i litiganti RTL 102.5 gode.

3 comments
Leggiamo dal sito del Mattino che sta scoppiando una piccola guerra per le "traffic news".
Le notizie sul traffico in tempo reale, fino ad oggi esclusiva della Rai con Isoradio per le Autostrade, sono al centro della questione. Da qualche mese, cioè da quando è scaduta la decennale convenzione tra Rai ed Autostrade, anche RTL 102.5 ha cominciato a fornire il servizio di informazione sul traffico in tempo reale e al momento sono state spente 10 antenne di Isoradio su 173 esistenti.
L'accusa della Rai è quella che Autostrade per l'Italia stia spegnendo di giorno in giorno il segnale di Isoradio sul territorio italiano per favorire quello di RTL 102.5
Autostrade nega il fatto e respinge l'accusa al mittente criticando la RAI per inadempienza. 
Tra i litiganti...il terzo gode, RTL 102.5 non poteva chiedere di meglio, la crisi tra Autostrade ed Isoradio non può che favorire la sua corsa verso "il traffico". 
L'unica speranza, da ascoltatori, è che il servizio di informazione su traffico, meteo e viabilità tragga beneficio da questa concorrenza radiofonica.

Esclusivo: Noè ci parla della fine del suo rapporto con Radio Kiss Kiss

7 comments
Radiospeaker.it incontra in esclusiva Noè Massimiliano Mele, conduttore radiofonico del programma Kisskiss Avenue nel weekend di Radio Kiss Kiss (fino a pochi giorni fa).

Noè ci spiega le motivazioni che lo hanno portato a prendere la sofferta decisione di lasciare Radio Kiss Kiss, una scelta che lo accomuna con quella di Max Poli e Mariolina Simone. Le motivazioni? Ce le spiega lui nell'intervista qui in basso:

Con la speranza di riascoltarlo presto On Air, vi postiamo il video del suo ultimo intervento in diretta su Radio Kiss Kiss:



Chiunque voglia contattare Noè può farlo tramite la sua pagina Facebook o la sua Email.

Radiospeaker.it cerca nuovi autori: ne parla la caporedattrice, Paola Coda

2 comments
Cari lettori e amici di Radiospeaker.it,
mi sembrava giusto dare il via a questo 2011 presentandomi e presentandovi meglio il blog. Sono Paola Coda, caporedattrice del Blog. Sono una speaker da sempre e credo non saprei fare altro nella vita.
Romana d'adozione, sono una calabrese DOC: testarda, determinata, solare. Al momento collaboro con Radio Incontro a Roma, ma ho anche lavorato come giornalista radiofonica in una redazione di Giornali Radio. Il mio amore per la Radio nasce nella Radio del mio paese in Calabria: RS98, radio locale, radio stile anni 70, la Radio dei sogni di ogni speaker, insomma. Ogni volta che scendo giù faccio una capatina a RS: è come tornare a casa. Serve a respirare aria buona.


Detto ciò, parliamo del Blog. Come avete modo di leggere, di vedere, Radiospeaker.it è una grande famiglia. Tutti noi siamo qui perché condividiamo un amore, una passione, un interesse per lo strumento che speriamo ci darà (o ci da' già) anche modo di lavorare. Il Blog è essenziale per il nostro sito. Essere costantemente aggiornati su tutto ciò che accade nel mondo dell'etere ci serve come il pane. E un Blog che raccogliesse per bene curiosità, interviste, aggiornamenti e vere e proprie lezioni per chi si accosta oggi alla professione, non esisteva. O quantomeno, non ne esisteva uno del genere.  continua...