Mariolina Simone lascia Radio Kiss Kiss

3 comments
Sembra che questo 2010 non voglia proprio smettere di esistere, con tutte le sue notizie, purtroppo quasi sempre negative. Come questa che ci è arrivata nel primo pomeriggio da fonti sicure secondo cui anche Mariolina Simone, in onda il pomeriggio insieme a Demo Mura con la trasmissione "A tutte le auto kiss kiss" andrà via da  Radio Kiss Kiss.
Mariolina si aggiunge agli altri due speaker di cui parlavamo nel precedente articolo , Noè e Max Poli che da gennaio 2011 non saranno più in onda,(Max Poli nella fascia oraria notturna, Noè nel weekend). Qualcosa sta sicuramente cambiando negli studi di Radio Kiss Kiss, confidiamo in nuove acquisizioni anche se il sospetto è che ci sia un rimpasto più che un ricambio: siamo quasi certi cha da gennaio ascolteremo Antonio Gerardi e Demo Mura in coppia, per cercare di risollevare il morale degli ascoltatori kisskissiani. In bocca al lupo a tutti!

2011: i Network cambiano gli speaker...ma sono sempre gli stessi!

11 comments
Negli ultimi mesi stiamo assistendo alle cosìdette "pulizie di fine anno" nelle radio italiane. Cerchiamo di fare un po' di ordine tra le tante voci, le smentite e le conferme arrivate fino ad oggi 31 dicembre 2010.
 L'ultima in ordine d'arrivo è la notizia che Tamara Taylor, ex voce di RDS, dopo una lunga pausa di riflessione ha deciso di accettare la proposta di R101 e presto la sentiremo tramettere dai microfoni di Milano (guarda la video intervista esclusiva). Sempre ad R101 sono approdati altri due pezzi da 90 del microfono: Federico L'olandese Volante (dopo 16 anni di dirette a RTL 102.5) e Isabella Eleodori (Radio Capital e Radio 2)...continua

Esclusivo: Tamara (ex RDS) passerà a R101!

6 comments
Questa mattina Radiospeaker.it ha collezionato una piccola esclusiva,  Tamara Taylor, voce storica di RDS, ci ha confidato il suo ritorno in radio a partire dal prossimo gennaio: destinazione R101. Sembra che il progetto di R101 sia ambizioso, dopo l'acquisizione dell'Olandese Volante  e di Isabella Eleodori, acquisice un altro pezzo da 90 della Radio Italiana.
Tamara, con la sua dolcezza e semplicità ci ha raccontato le ragioni che l'hanno portata a lasciare RDS, la sua pausa di riflessione dalla radio e dall'Italia provocata anche da "Fabri Fibra",  la sua pausa di riflessione che sembrava dovesse durare molto più e che l'ha riportata in Australia, fino alla proposta di R101.
Guarda la video intervista di Tamara Taylor qui in basso:

Lo Zoo di 105 si sfalda! Alisei-Noise-Wender tradiscono Mazzoli e passano a Deejay

21 comments
Lo Zoo di 105 sarà orfano di Fabio Alisei, Paolo Noise e Wender, lasciando così Marco Mazzoli da solo. Secondo quanto riportato dal Blog Radio Music Smile e dallo stesso Marco Mazzoli sul suo sito, il trio Alisei - Noise - Wender avrebbe iniziato da tempo una trattativa con Linus di Radio Deejay alle sue spalle.  Lo stesso Mazzoli riferendosi chiaramente a Linus scrive: " l'infame rancoroso in attesa del momento giusto per affondare i canini e cercare vendetta!! Astuto il vecchio senza idee...hahahaha, costretto a fare la spesa nel programma che denigrava!!! ma dov'è finita la creatività?? Dove sono finiti i Cecchetto??" (citiamo testualmente)

Anche questa volta ha prevalso la legge del "miglior offerente": il mondo di oggi è governato dal denaro e in questo caso si tratterebbe di un bel mucchietto  visto che verrebbe meno la trasmissione di punta della radiofonia italiana. 
Non è tutto, c'è un altro dettaglio altrettanto succoso: i tre non andrebbero a condurre un nuovo programma su Radio Deejay, bensì condurrebbero un programma televisivo sulla neonata Deejay Tv!
Siamo curiosi di vedere come se la caveranno i tre senza Mazzoli, lui sembra averla presa bene e scrive: "LO ZOO deve continuare, deve ri-inventarsi, deve svoltare per l'ennesima volta e c'è un Mazzoli più maturo, consapevole dei propri sbagli, ferito, ma pronto ad affrontare una nuova avventura e rimettersi in gioco"
In bocca al lupo a tutti!

Radio Kreattiva: la web radio antimafia

0 comments
È stato presentato alcuni giorni fa il progetto “Radio Kreattiva”. La prima web radio scolastica antimafia che, da cinque anni ormai, opera in tutte le scuole di Bari sviluppando diversi percorsi educativi che hanno lo scopo di infondere comportamenti legali per opporsi a qualsiasi forma di illegalità.

Come si legge dal sito della radio: "Radio Kreattiva è una web radio antimafia. E’ un progetto ideato dall’Associazione Culturale Kreattiva nel 2005 per avviare un percorso di contrasto sociale a tutte le forme di devianza e di mafiosità diffuse sul territorio della città di Bari. Partendo da Bari Vecchia con 2 casse, un computer e un microfono al quale si alternavano i primi speaker, oggi Radio Kreattiva è un’emittente radiofonica sul web libera e plurale, gestita interamente dagli studenti delle scuole baresi"...continua a leggere

Radio Padania Denunciata

2 comments
Leggiamo dal blog di Daniele Sensi che Radio Padania è stata denunciata alla Questura di Perugia per iniziativa di Arianna Ciccone, portavoce di Valigia blu, che sulla sua bacheca Facebook scrive:
Non è attivismo, è senso civico - proprio il minimo sindacale. Siamo anestetizzati da anni e non reagiamo più davanti a niente...

Il motivo di questa denuncia risiede da alcune affermazioni effettuate durante due momenti diversi della diretta di Radio Padania: il primo riferito agli scontri degli studenti dello scorso 14 dicembre:

L'altro è riferito ad alcune affermazioni sui ROM da parte di un esponente della Guardia Nazionale Padana:

Lasciamo libero spazio ai vostri commenti.

Interviste agli Speaker: Roberta Coletti (Radio Globo)

2 comments
Continuano le interviste di Radiospeaker agli Speaker Italiani. Questa volta tocca a Roberta Coletti, voce femminile storica di Radio Globo (Roma) in onda tutte le mattine, dalle 7 alle 10, con il Morning Show.

Ciao Roberta, ti va di raccontarci come è iniziata la tua carriera radiofonica? E’ cominciata tantissimi anni fa per gioco, nel senso vero e proprio della parola perché Roberta bambina invece che giocare con le bambole o pentoline giocava con sua sorella minore e con un semplice registratore a fare la dj, passione trasmessami dai mitici Jocelyn e Awanagana ai tempi d’oro di Radio Montecarlo. Iniziai in una radio locale della mia zona che poi tutti conosciamo col nome di Radio Centro Suono e fu subito amore a prima vista…o orecchio…  poi ne susseguirono tante altre, la maggior parte delle quali morte nel corso degli anni perché furono costrette a vendere per eccessive perdite finanziarie. Da 11 anni ormai sono ai microfoni di Radio Globo, per la quale ho sempre avuto una grande passione perché riesce a trasmettermi vitalità e tanto divertimento e dalla quale ho sempre avuto grandi soddisfazioni.  continua  

Nuovo accordo tra WRA (Web Radio Associate) e SIAE

0 comments
E' in arrivo qualche piccola ma interessante novità per le web radio. Dopo una migrazione di alcune realtà nostrane verso l'estero, infatti, la SIAE (società italiana degli autori ed editori) che si occupa di tutelare le opere protette da diritto d'autore nel nostro paese ha scelto di raggiungere un accordo con la WRA, una associazione alla quale tutte le web radio possono iscriversi liberamente per usufruire di una serie di sconti su regie automatiche, servizi streaming ecc, ma anche per restare aggiornati su tutte le normative vigenti.


In particolare, questa nuova convenzione valida fino al 31/12/2011 prevede una deduzione del canone siae del 7,5%.
La convenzione e tutte le informazioni relative le trovate alla pagina http://www.wra.it/siae.htmlTempo fa avevamo intervistato il Presidente della WRA, Patrick Domanico, trovate l'intervista Qui
Articolo di Mario Loreti

25 Speakers contemporaneamente: Guinnes World Record per Radio Deejay!

0 comments

Come ogni anno dal 2005 il Trio Medusa organizza una maratona radiofonica su Radio Deejay per raccogliere fondi a favore dei progetti del CESVI in Africa. 
Ieri, 19 dicembre 2010, nella fascia oraria destinata al Trio è stato decretato un nuovo Guinness dei Record con 25 speaker di Radio Deejay contemporaneamente in diretta alla conduzione di un programma radiofonico per due oreLa regolarita' e' stata attestata da due cronometristi, due testimoni ufficiali, due steward, un fotografo e una telecamera che trasmetteva lo show su Deejay tv. 
Questo è un modo per attirare l'attenzione in maniera "positive" su una causa nobile come quella del CESVI, quindi un modo per fare beneficenza. Ma non solo, dal punto di vista commerciale un'iniziativa come quella del Guinness World Record attira l'attenzione anche sul proprio Marchio (l'Azienda Radio Deejay) sui personaggi che l'hanno organizzata e promossa (Il Trio Medusa) e sul "mezzo radiofonico" in generale.  Strano che nessun'altra Emittente Nazionale abbia pensato di organizzare un'iniziativa simile prima, visti i benefici che se ne ricavano con uno sforzo decisamente minimo.

Radio Subasio in Lutto per la morte del Presidente Mario Settimi

0 comments
Siamo molto dispiaciuti nel pubblicare questa notizia: si è spento questa sera all'età di 83 anni  Mario Settimi, patron di Radio Subasio.  Settimi fondò nel 1976, insieme a quattro soci e con l’aiuto dei figli Marco e Rita, quella che negli anni è divenuta l’Emittente Radiofonica di punta nel Centro Italia.
Il funerale avrà luogo martedì 21 dicembre, nella sede di Radio Subasio, a partire dalle 15:00.

Radiospeaker.it vuole ringraziare e dare il suo personale saluto a Mario Settimi, un pioniere della radiofonia italiana, uno di quei pochi editori che ha saputo costruire un progetto solido e ben strutturato, che ha dato tanto valore alla Radio quanto calore agli ascoltatori. Suoni, sogni ed emozioni, queste sono le parole che accompagnano la presentazione di Radio Subasio, la sua piccola grande radio che da Viole d'Assisi irradia tutto il Centro Italia...e non solo.

Radiocronache: la storia della Radio a Teatro

0 comments
Radiospeaker.it è lieta di segnalarvi questo spettacolo innovativo ideato da un gruppo di giovani attori che verrà messo in scena il prossimo 22 dicembre al Teatro Binario 7 di Monza: "Radiocronache - Insoliti collegamenti da Marconi al Wi-Fi". Un excursus sulla storia del Novecento attraverso la radio. 
La storia del Novecento viene raccontata attraverso l'evoluzione della radio e dei suoi contenuti, dal trasduttore al transistor, dalle cronache di guerra ai cluster pubblicitari. Un itinerario che parte dai primi esperimenti, passa per la radio di propaganda, le radio pirata e arriva fino ai nostri giorni con l'avvento delle web radio. 
"Abbiamo in pratica voluto ripercorrere la Grande Storia di un secolo con la piccola storia di un mezzo. Esattamente con questa partizione di maiuscole e minuscole. E la grande soddisfazione è che queste due coincidevano perfettamente!".
Uno spettacolo che difficilmente un appassionato di radio potrà perdere: 


"Radiocronache - Insoliti collegamenti da Marconi al Wi-Fi" - Mercoledì 22 dicembre, ore 21 - Teatro Binario 7, via Turati 8, Monza - Ingresso libero, fino ad esaurimento posti

Fonte: Tgcom

La maratona Telethon quest'anno sarà anche ON AIR!

0 comments
Come ogni anno, torna la maratona Telethon!
Lo scopo è quello di raccogliere fondi per le malattie genetiche. E quest’anno oltre alla televisione sarà protagonista anche la radio con una serie di emittenti che venerdì 17 dicembre hanno deciso di aderire alla campagna ON AIR, con speaker, conosciuti e non, che si daranno il cambio della staffetta per ben 54 ore consecutive.

Dietro la regia di questo lungo ed operoso momento di diretta lavorerà lo staff di una  webradio, Radio Stonata, che permetterà la trasmissione dell’evento anche a tantissime emittenti private FM e web radio che per 3 giorni rinunceranno al proprio palinsesto per dare spazio alla corsa benefica utile a raggiungere nuovi obiettivi per la ricerca con il sostegno delle donazioni.  continua 

Ucciso il proprietario di Radio Centro Vittoria (Ragusa)

0 comments

Il proprietario di Radio Centro Vittoria, Giuseppe Licitra, è stato trovato esanime ieri all'interno della sua auto. L'uomo, 44 anni, è stato trovato all'interno della sua auto nei pressi di una cartiera in disuso. Il cadavere è stato scoperto da un passante che, non avendo notato i fori dei proiettili, ha pensato a un malore e ha chiamato un'ambulanza. 
Il proprietario dell'emittente radiofonica "Radio Centro Vittoria" e impiegato civile della polizia municipale è stato trasportato in ospedale, dove i medici ne hanno constatato la morte. 
6251.jpg



La cosa che ci fa più riflettere è che anche i medici si erano convinti che Licitra fosse morto per un malore, non accorgendosi dei proiettili e del sangue!! Sono stati gli addetti delle pompe funebri, durante la ricomposizione della salma in casa della vittima, a scoprire quattro ore dopo i due fori e le tracce di sangue. 
Il primo esame medico-legale ha confermato che Licitra e' stato ucciso con due colpi di pistola esplosi da breve distanza.
Fonte: Agcom

Intervista Sarabanda ad Alessio Bertallot

0 comments
Navigando su internet abbiamo trovato questa  intervista ad Alessio Bertallot che vogliamo condividere con i lettori di Radiospeaker.it
Più che un'intervista è una piccola puntata di "sarabanda": a Bertallot vengono fatti ascoltare intro di  brani di cui dovrà indovinare artista e titolo e poi spiegarne il legame che ha con queste canzoni. Vi consigliamo di guardare l'intevista che trovate qui in basso:


Fonte: Prontialpeggio.it

Stagista aggredita negli studi di Radio Bruno

1 comments
Leggiamo dal sito di Romagnaoggi.it che ieri mattina, domenica 12 dicembre 2010, una giorvane stagista di Radio Bruno è stata aggredita all'interno della redazione di viale Tripoli a Romini.

Un uomo sarebbe salito negli studi e avrebbe suonato alla porta, la ragazza ha aperto e subito dopo sarebbe stata aggredita e spinta in una stanza interna della radio dove l'uomo avrebbe cercato di abusare di lei. Per fortuna le urla della ragazza hanno richiamato l'attenzione dei vicini che hanno dato l'allarme al 113, facendo così dileguare l'aggressore. Per la ragazza, oltre al forte shock, lesioni alla testa, al volto e due costole rotte.
Radiospeaker.it esprime la propria vicinanza alla ragazza e a tutto lo staff di Radio Bruno, con l'augurio che episodi simili non si ripetano in futuro.
Ognuno di noi avrebbe storie da raccontare, episodi strani, dolorosi e a volte surreali avvenuti negli studi radiofonici, volete raccontarci il vostro? Sriveteci a redazione@radiospeaker.it

Claudio Baglioni diventa speaker radiofonico!

0 comments
Claudio Baglioni da cantante a speaker radiofonico!
Dal 13 al 31 dicembre il cantautore romano si diletterà al microfono non per cantare ma per "raccontare" agli ascoltatori le tappe del tour che lo ha portato in giro per il mondo. 19 puntate in onda tutti i pomeriggi alle 15.00 (e in replica la sera alle 21.00) sulla web radio del sito
www.baglioni.it.


Saranno proprio il suo ultimo singolo "Per il mondo" e i brani tratti dal suo ultimo album "Per il mondo - World Tour 2010", ad accompagnare in sottofondo i racconti di Claudio che oltre ai viaggi e al tour, potrebbe riservare per gli ascoltatori inedite sorprese. continua 

Fiorello e Baldini tornano a Radio Rai...Uno?

2 comments


Belle notizie per gli amanti della coppia Fiorello - Baldini: sembra che tornino insieme per un programma su Radio 1


Questo è quello che ha lasciato intendere lo stesso Fiorello che intervenuto al Gr1  per fare gli auguri (imitandolo) all’ex presidente della repubblica Carlo Azeglio Ciampi (che oggi compie 90 anni) ha detto: "'Auguri a tutti. Al Presidente, alla signora Franca e saluti al direttore Preziosi che mi corteggia. Ditegli di stare tranquillo, che adesso arrivo con il mio compare di bisbocce Baldini". 
Sembra infatti che le trattative tra lo showman siciliano e la Rai sarebbero in corso da tempo.
Chissà se troveranno l'accordo entro l'imminente 2011, dipende molto anche dal contratto che Baldini ha con Radio Kiss Kiss, dove attualmente conduce il prime time della mattina. 
Come si chiamerà la loro nuova trasmissione, Viva Radio 1?

Speaker Pubblicitari sottopagati? Rispondono le Agenzie di Spot

6 comments
Pubblichiamo la lettera di Francesca Cavallo (Happy Audio), amica e assidua lettrice di Radiospeaker.it


Urka! C'è tantissimo da dire in merito! Cercherò di riassumere brevemente la situazione ma la vedo dura. Dunque Dunque...intanto il discorso è molto più ampio e complicato di come è stato finora descritto. Parlo in qualità di speaker professionista e di titolare di studio di produzioni audio che da anni, si spacca letteralmente in 4 per cercare di proporre alle radio o alle agenzie un prodotto qualitativamente valido ad un prezzo equo rispetto alle attuali esigenze di mercato....il chè equivale spesso e volentieri a non arrivare alla fine del mese...o trovarsi in serie difficoltà nel pagare le tasse! Già le tasse!


Perchè a differenza di chi ha deciso di "giocare" da casa...e in nero, un'attività in regola come la mia, paga regolarmente circa il 50% di tutto quello che incassa...o meglio che non incassa, visto che in Italia c'è il brutto vizio di pagare le fatture a vista, a 30, 60 e a volte anche a 90 giorni.

Vi faccio un esempio scemo:
Ad oggi devo ancora incassare fatture emesse a Luglio di spot e lavori realizzati e consegnati dopo sole 24 ore dall'ordine. Questo tanto per dirne una!
E' vero, negli ultimi 2 anni anche la pubblicità radiofonica ha avuto un leggero periodo di crisi, ma è stato usato da molte emittenti, radio e tv, come alibi di ferro, per non pagare o per pagare in ritardo tremendo, o peggio...per affidarsi a speakers improvvisati, che con due soldi hanno attrezzato nella loro cameretta, nel garage o nello stanzino delle scope, un piccolo home studio con un coputer di cacca, una scheda audio da 10 €, un microfono cinese da 20 € e una risoluzione audio che per i motivi di cui sopra, è letteralmente raccapricciante! Fruscìì...echi montanari...Ho la la iuuuuu!!! etc!...continua

Radio Padania trasmette anche al Sud?!

3 comments
Gira voce che Radio Padania Libera, la radio leghista per eccellenza, abbia acquisito una frequenza in Molise, precisamente nel territorio di Isernia. Un passo decisamente "lungo" per una radio che rivendica la libertà della Padania dall'Italia. 

Che stiano escogitando un piano propagandistico per convincere "la gente del Sud" a premere dal basso per un distacco volontario dell'Italia dalla Padania?
Di sicuro avere un'unica frequenza in un territorio piccolo com Isernia risulta molto strano, considerando poi che Radio Padania ha alcuna copertura territoriale che non supera l'Emilia Romagna.
Secondo voi cosa vorrebbe significare questo "sconfinamento"?

Fonte: Talk Media

ON AIR senza confini: un Ponte Radio con Miami Beach

1 comments
Quella che vi sto per raccontare é una storia di amicizia e di passione per la radio! Sono 2 i protagonisti della storia, LucaTortuga e Steve Brandoni, dopo oltre dieci anni di lontananza riescono a ricucire un'amicizia nata dietro ai microfoni di RC1 agli inizi degli anni 80… poi il lavoro, le vicende amorose e tanto altro separano i due amici: l'uno forma una famiglia con figli e l'altro inizia un percorso difficile e impervio sia nel lavoro che negli affetti!




Due anni fa, dopo varie ricerche, riesco a trovare Steve, la sorella mi dice che è andato a Miami da sua zia, riesco ad avere il telefono mi faccio coraggio e chiamo, lo trovo ci scambiamo il telefono, l'email, skype ecc. Dopo qualche mese propongo a Steve di provare a registrare le nostre telefonate e mandarle nella radio dove avevo ripreso a trasmettere dopo oltre 10 anni di inattività. Facciamo un ponte radio tra Osimo e Miami Beach, penso al nome della trasmissione la chiamiamo MIAMI VOICE, coinvolgiamo gli amici di facebook e della radio e il gioco è fatto! continua 

Corso Speaker a Milano: la lettera del docente Patrick (Speaker Nazionale)

Cari amici di Radiospeaker.it,

Non è facile fare la parte di “quello che insegna”, e allo stesso tempo raccontare motivazioni, emozioni e stati d'animo provati durante un corso.

A una settimana dalla conclusione della prima edizione milanese del “Corso di conduzione e giornalismo radiofonico”, mi piace condividere prima di tutto con Giorgio d'Ecclesia la sensazione di aver partecipato a qualcosa di grande e importante.

Così come credo abbia fatto lui, ho pensato più volte che se un corso del genere l'avessimo potuto seguire come allievi non più di una decina d'anni fa, avremmo avuto sicuramente una marcia in più nel nostro lavoro già dalle primissime esperienze nelle radio locali.

E' stato questo lo spirito che ha animato le mie lezioni, accompagnato a quello di tenere sempre davanti a me una domanda costante: “ma se io non facessi questo lavoro e volessi cominciare a farlo, quali tecniche dovrei imparare per dare il meglio di me davanti a un microfono?

Credo (e spero) sia passata una risposta d'insieme fatta di trasparenza e professionalità, un messaggio in grado di raccontare che sì, un corso è importante, ma per fare lo speaker serve anche tempo, tenacia, umiltà e tanta pazienza.

Tutti questi accorgimenti, quando riescono ad essere affiancati dai contenuti e dalla precisione tecnica di addetti ai lavori, possono rappresentare un primo passo fondamentale per trasformare una piccola suggestione (“Seguire un corso di conduzione radiofonica? Perché non provare?) in una grande consapevolezza (“Mi sento portato per questo lavoro, e mi impegnerò fino in fondo per trasformare questo sogno in realtà”).

Un doveroso grazie quindi a Giorgio d'Ecclesia per l'opportunità e la fiducia che mi ha dato nel chiedermi di condurre il corso, a Fabio Banzato per aver curato la lezione dedicata al giornalismo radiofonico, e – non per ultimi – agli allievi, che con i loro feedback e la loro costanza sono indubbiamente i protagonisti indiscussi di questa avventura.


Patrick: è uno speaker professionista con base a Milano, conduttore radiofonico in onda dal lunedì al venerdì nel pomeriggio di Radio Italia solomusicaitaliana. Maturità classica, laurea in Scienze Politiche e seconda laurea in Filosofia, giornalista pubblicista, ideatore del sito Parlarealmicrofono.it, propone in qualità di libero professionista corsi di dizione e tecniche di comunicazione al microfono. E' insegnante presso l'edizione di Milano del “Corso di conduzione e giornalismo radiofonico” organizzato dal portale Radiospeaker.it

Radio L’ONDrA: gli studenti protestano "on air"

0 comments
Ogni generazione ha le sue lotte, i suoi cortei, le occupazioni che finiscono nel tempo di una sola notte e le autogestioni che, chissà come mai, non dimenticheremo più per tutta la nostra vita. A tutto questo nel 2010 si aggiungono le Radio, o meglio, le Web Radio: è nata Radio L'ONDRrA 2.0


Il meccanismo dei movimenti studenteschi ci impone una riflessione su come stiano cambiando le forme delle battaglie universitarie. Basta volgere lo sguardo ai fatti di ieri, accaduti tra le strade di Milano, Roma e Napoli per capire che stiamo assistendo ad una vera rivoluzione di atteggiamenti e di spirito aggregativo. Tutto attorno agli studenti brulica di modernità e tecnologia, quella messa a disposizione dalle radio fruibili on line. L’episodio di Parigi che ha visto vestire l’Arco di Trionfo con uno striscione inneggiante solidarietà agli studenti cugini italiani è solo l’indicatore che la protesta ai tempi del www arriva oltralpe alla velocità del mouse. Nel 2010, infatti, la lotta si fa in diretta e si fa in radio, anzi in web radio! Una di queste, forse la più importante, è Radio L’ONDrA 2.0 - uno strumento contro la disinformazione sulla protesta dei ricercatori...continua




L'arte di fare Radio: intervista a Linus

8 comments
Chi sogna di fare lo speaker lo venera, o forse non tutti, ma di sicuro Linus non è un personaggio radiofonico come tutti gli altri: lui è Radio Deejay. E chi meglio di lui può dire la sua sui giovani che oggi si avvicinano al Mondo dell'Etere?!
Lo ha fatto in un'intervista a tutto campo a Quotidiano Net in cui però il popolare conduttore avverte: La Radio non è per Tutti!

"Ci sono professioni in cui l'anagrafe ha la sua logica, e questa è una di quelle. - dice Linus - Il nostro è un mestiere fatto di parole - certo, c'è la musica, ma le parole hanno un ruolo fondamentale. Per avere qualcosa di interessante da dire devi aver vissuto sufficientemente a lungo. Quando avevo 25 anni facevo già la radio ma, ad essere sinceri, non è che avessi grandi cose da dire. Direi che una tale consapevolezza si acquisisce ben oltre i 30 anni. Si matura una certa personalità. Devi avere un mix di freschezza e personalità."...continua

Intervista a Marco De Domenico, speaker e doppiatore pubblicitario professionista

2 comments
Radiospeaker.it continua ad intervistare i professionisti del microfono, non solo conduttori radiofonici ma anche speaker e doppiatori pubblicitari affermati come Marco De Domenico.

L'intervista audio è stata realizzata via Skype da Mario Loreti e affronta l'argomento "spot" da vari punti di vista: dalla giornata tipo di un doppiatore pubblicitario alla struttura dei testi, dalla gestione di un home-studio all'evoluzione stilistico degli spot radiofonici. Un'intervista interessante per tutti, professionisti e non, sul mondo dello speakeraggio pubblicitario.

Ascolta l'intervista a Marco De Domenico, clicca sul tasto Play!
Radiospeaker.it intervista Marco De Domenico by radiospeaker

Articolo di Mario Loreti

Aperte le iscrizioni al Radiofestival! Il Festival dello Spot Radiofonico

0 comments
Anche quest'anno sta per cominciare una nuova edizione del Radiofestival,  il premio della pubblicità radiofoncia.  E' il Premio istituito dalla SIPRA allo scopo di promuovere la pubblicità radiofonica creata esclusivamente per la radio e diffusa a livello nazionale

Detto in breve è il festival dello Spot Rafiofonico. Si è arrivati alla diciannovesima edizione e per i vincitori ci sono tanti premi interessanti.  Il Radiofestival è aperto alla partecipazione di chiunque operi nel campo della pubblicità: copy, agenzie, aziende, case di produzione, free lance, ecc. le iscrizioni sono aperte fino al 28 gennaio 2011. Verranno premiati i radiocomunicati effettivamente pianificati nel periodo compreso fra il 1 gennaio e il 31 dicembre 2010.
Dal sito www.radiofestival.it si può consultare il regolamento, iscriversi al premio e ascoltare i comunicati vincitori delle precedenti edizioni. Siamo sicuri che trai lettori di Radiospeaker.it, tanti lavorano per la produzione di spot radiofonici e saranno interessati a questa notizia! In bocca al lupo ;)

Quando la Radio diventa Television: il caso di Virgin Radio Tv

0 comments

Celentano diceva in un noto programma che “la radio è rock” e la tv è “pop”, ma oggi perfino lui, il molleggiato d’Italia sempre così attento ai cambiamenti e ai passaggi di testimone, antesignano di rivoluzioni nei linguaggi e nelle forme espressive, potrebbe ricredersi .
Il rock infatti conquista il piccolo schermo e lo fa attraverso Virgin Radio, industria culturale che porta la firma di  Richard Branson. Dal 26 Novembre 2010 sul digitale terrestre, visibile in chiaro in tutto il Paese, debutta la neonata Virgin Radio Television. 

Un mood di  non solo musica, ci saranno anche la moda, l’arte e il cinema ad impreziosire il palinsesto appena fresco di etere. Il canale, che rappresenta solo il primo passo verso il piccolo schermo da parte del gruppo  Gruppo Finelco,  inaugura anche un marchio nuovo a livello internazionale.
Sono trascorsi solo tre anni dal lancio della corrispettiva Virgin Radio e, bisogna ammetterlo, lo ’style rock’ piace sempre più, a tal punto da andare anche in video con un progetto “dalla forte identità che può colmare subito uno spazio molto interessante, senza impedire progetti simili con le altre due radio del gruppo, 105 ed RMC” - come ha spiegato il direttore generale di Finelco Francois Le Genissel, inoltre la rete sarà fruibile anche in streaming, sfruttando il sistema multipiattaforma già sperimentato dal Gruppo per  le emittenti radio, i portali web, le web radio e le web tv.

Ma, la domanda nasce spontanea: cosa ne pensate del passaggio della Radio alla Tv?

Articolo di Pierluigi Ferrillo

L'Agicom si è espressa: ecco il regolamento ufficiale

3 comments
Finalmente sembra si sia arrivati ad un testo ufficiale: L’Agcom avrebbe appena varato il regolamento per le web tv e le web radio. Sembra che il nuovo regolamento valga solo per le web radio e le web tv il cui fatturato superi i 100 mila euro annui, pertanto non toccherebbe il 99,9% delle webradio esistenti! 

Tali emittenti "fortunate" saranno tenute a versare una tantum (e non annualmente come si pensava) un contributo di 250 euro al momento in cui dichiarano l'inizio delle proprie trasmissioni.
Allo stato dei fatti, le webradio attualmente "online" possono stare tranquille e continuare le loro tramissioni.Concedeteci una battuta: "Se le cose stanno così, vi auguriamo di dover pagare un giorno  questa piccola tassa per l'Agicom!

Registrare un programma radiofonico e non solo, con Total Recorder per Windows.

0 comments
Registrare un programma radiofonico e non solo, con Total Recorder per Windows
A quanti di voi sarà capitato di voler registrare un programma radiofonico, ma magari di non essere a casa quando questo inizia? Conosco decine di amici e colleghi speaker che hanno, sul disco rigido del proprio computer diverse centinaia di file audio con gli interventi e gli strafalcioni dei loro speaker preferiti, piccoli spezzoni di programmi, pubblicità, voci di doppiatori ecc...

Da convinto sostenitore della tesi che afferma che "la radio si impara soprattutto ascoltandola e facendola", ho cercato per parecchio tempo un programma che mi permettesse di registrare una fonte audio esterna, uno streaming. Ne ho trovati tantissimi, tutti più o meno completi, ma Total Recorder, secondo me, è davvero il massimo.
E' davvero un "registratore totale", ci permette infatti di registrare da qualsiasi fonte audio, sia essa interna o esterna, e possiamo impostare anche registrazioni ad orario, proprio come si faceva con i vecchi videoregistratori; Ogni tipo di registrazione, anche quelle realizzate catturando il suono riprodotto dalla scheda audio (per registrare, per esempio un video di You Tube) sarà pulitissima, grazie ad una speciale tecnologia di cattura dell'audio che evita di includere i fruscii di fondo generati da schede audio consumer...continua

Apple blocca le "App" delle singole Radio

5 comments
Siamo molto rattristati nel comunicarvi che la Apple ha deciso di non pubblicare più le Radio App delle singole Emittenti Radiofoniche. Fine dei giochi. La notizia ci rattrista particolarmente in quanto Radiospeaker.it stava per proporre la sua versione di Radio App per le Radio a prezzi molto competitivi. La notizia è stata pubblicata sul Radio Mag Online, vi invitiamo a leggere il testo che abbiamo tradotto:

Il 10 novembre 2010, Apple ci ha respinto 10 applicazioni radio, in quanto dice Apple "la singola app della stazione radiofonica è come una applicazione FART e rappresenta spam nell'iTunes Store" e Apple "non approverà più alcuna apps radiofonica a meno che non siano presenti centinaia di stazioni sulla stessa applicazione."
Il 10 novembre quindi rappresenta la data in cui Apple ha iniziato a respingere tali applicazioni. Abbiamo parlato con molti rappresentanti di Apple, ma tutti dicono la stessa cosa: la singola App non arricchirebbe l'esperienza dell'utente finale. Non siamo d'accordo dato che le nostre applicazioni radiofoniche hanno avuto più di 37.000 download nel mese scorso...continua

Radio Onda d'Urto presta la voce a chi parla straniero

0 comments
In tempi ( quelli in cui leggiamo) in cui essere immigrato equivale spesso a non avere molta voce in capitolo o peggio a non averne affatto in merito alle scelte di Welfare di un Paese troppo distratto quanto sordo ai temi del disagio dell’altro, c’è una radio che ha scelto di “prestare” la propria  voce a chi, stanco,  non sa più come orientarsi tra i meandri della lenta burocrazia e gli slalom  impossibili degli iter legali.

L’ esempio di sensibilizzazione che stiamo per leggere è davvero singolare e forse ci pone davanti a tanti interrogativi sul come nel Belpaese si discuta di “social care” perché non proviene dalle istituzioni, non parla il linguaggio della politica ma arriva con tutta la sua dirompente dinamicità da una realtà creativa , quella radiofonica, che  non smette mai di essere in onda sui temi dell’attualità. E’ infatti un’emittente, Radio Onda d'Urto, che decide in queste ore di far partire una raccolta fondi in sostegno degli immigrati trattenuti nel corso dei giorni precedenti  nell'ambito della protesta presso la gru del quartiere San Faustino nel bresciano, extracomunitari  aggiogati  tra le  spese legali e le  incognite sul proprio futuro, persi oramai nei Centri di identificazione ed espulsione in attesa di deportazione. Si tratta di una campagna di sensibilizzazione che si  avvera “on air” per aiutare i contestatori stranieri arrestati nella città  durante le giornate di aspra lotta e  che mira a sostenere le spese legali dei ricorsi di coloro che durante le azioni di polizia sono stati prima rinchiusi nei Cie e poi deportati nei paesi d’origine (subito dopo le trattative che hanno portato giù dalla gru gli ultimi manifestanti, difatti, due di questi sono stati già rimpatriati in Egitto)...continua