La radio è di parola: torna il concorso di Radio 1 per nuovi conduttori radiofonici!

Per il secondo anno consecutivo, Radio Rai1 e il Comunicattivo di Igor Righetti aprono le porte agli aspiranti conduttori radiofonici: “La radio è di parola” è il titolo del concorso che apre le porte ai maggiori di 18 anni, senza limiti di età ( a differenza dell'anno scorso dove il limite era fissato a 28 anni).  

Come fare a partecipare?
Tramite un’iscrizione online gratuita che potrà essere fatta sui siti www.radio1.rai.it e www.ilcomunicattivo.rai.it gli aspiranti conduttori potranno inviare un file audio in formato mp3 della durata di massimo 2 minuti con l’intervento radiofonico in base al loro stile e alla loro personalità...continua


Durante l’iscrizione potrà essere scelta la sezione alla quale partecipare. I file audio degli aspiranti conduttori passeranno al vaglio di una giuria di qualità composta da Preziosi (presidente), Socillo, Righetti e da noti giornalisti e critici radiofonici, dai conduttori dei programmi di Radio 1 selezionati per le co-conduzioni e da doppiatori. La valutazione si baserà sulla qualità del testo presentato e terrà in considerazione il livello linguistico, la pertinenza all’argomento scelto, l’originalità della tecnica di conduzione, il ritmo, il timbro e la dizione.

In palio, per i primi sei classificati, una co-conduzione di una puntata di alcuni programmi di punta di Radio 1 Rai  e, altra novità di questa edizione è la possibilità, riservata a coloro che non si classificheranno tra i primi sei ma che saranno ritenuti meritevoli dalla giuria, di far sentire la propria voce anche sul canale WR8 delle web radio Rai.

Noi di Radiospeaker.it seguiremo il  concorso di Radio Rai con molta attenzione e con la sincera speranza che si risolva con l'assunzione realie di nuovi conduttori radiofonici con l'ambizione di entrare a far parte del "servizio pubblico nazionale".

Articolo di Giorgio d'Ecclesia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.